Non aprite quella porta: dietro potreste trovarci di tutto. Cosa succede nei viaggi di istruzione – Orizzonte Scuola

Tag

from Diigo http://bit.ly/2GjHZtL
via IFTTT

Annunci

Valutazione intermedia scuola media: voti e giudizi, comportamento, documento valutazione, ruolo dirigente, potenziamento, IRC e attività alternative – Orizzonte Scuola

Tag

“VOTI E GIUDIZI

La valutazione, compresa quella relativa agli esami di Stato, è espressa, per ciascuna delle discipline del curricolo, con votazioni in decimi ed è integrata dalla descrizione del processo e del livello globale di sviluppo degli apprendimenti raggiunto.

Nello specifico, il giudizio, che accompagna la valutazione in decimi, deve descrivere il processo formativo, in termini di progressi nello sviluppo culturale, personale e sociale, e il livello globale di sviluppo degli apprendimenti conseguito.

Alla luce di quanto sopra riportato e di quanto indicato nel Decreto n. 62/2017 e nella nota n. 1865/2017, sembra evidente che il giudizio non deve limitarsi alle singole discipline ma deve riguardare la descrizione globale del processo di apprendimento e di crescita dell’alunno (preferibile quindi un giudizio complessivo e non per singola disciplina).

COMPORTAMENTO

La valutazione del comportamento è effettuata collegialmente e viene espressa attraverso un giudizio sintetico riportato nel documento di valutazione. Essa si riferisce allo sviluppo delle competenze di cittadinanza e, per la scuola secondaria di primo grado, allo Statuto delle studentesse e degli studenti e al Patto educativo di corresponsabilità (altro punto di riferimento è rappresentato naturalmente dai regolamenti delle singole Istituzioni scolastiche).

In seguito alla succitata novità, è stata abrogata la norma che prevedeva la non ammissione alla classe successiva per gli alunni che conseguivano un voto di comportamento inferiore a 6/10.

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Le attività svolte nell’ambito dell’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione sono oggetto di valutazione.

La valutazione delle suddette attività confluisce nel complessivo voto delle discipline dell’area storico-geografica (ai sensi dell’articolo I della legge n, 169/2008, come leggiamo nella nota Miur 1865/2017).

IRC E ATTIVITÀ ALTERNATIVA

La valutazione dell’insegnamento di religione cattolica, per i soli studenti che se ne avvalgono, è espressa con una nota sull’interesse e i livelli di apprendimento raggiunti.

Allo stesso modo, la valutazione delle attività alternative all’insegnamento di religione cattolica, per gli studenti che se ne avvalgono, è espressa con un giudizio sintetico sull’interesse manifestato e i livelli di apprendimento raggiunti ed è riportata su una nota distinta.

ALUNNI DISABILI E DSA

Il D.lgs. n. 62/2017, come leggiamo anche nella nota n. 1865/2017, non ha introdotto novità sostanziali riguardo alla valutazione degli allievi disabili certificati e con DSA.

La valutazione dei suddetti alunni fa riferimento al PEI, nel caso dei disabili, e al PDP nel caso degli alunni con DSA.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Il documento di valutazione (periodica e finale) va adeguato alle novità sopra descritte e deve, quindi, riportare  non solo i voti in decimi, ma anche il giudizio riguardante il comportamento e il giudizio volto a descrivere il processo e il livello globale di sviluppo degli apprendimenti raggiunto.

L’adeguamento è compito delle Scuole.”
from Diigo http://bit.ly/2nEUcP9
via IFTTT

Esperimento a Brindisi, a scuola alle 10: «Così i ragazzi studiano di più» – Corriere.it

Tag

“«I tempi della scuola e quelli dei ragazzi»
«Finalmente — gioisce Raffaele Mantegazza, della Bicocca —. Cominciamo ad assestare i tempi della scuola su quelli delle persone. Ricordo quando insegnavo a Como, questi poveri ragazzi costretti ad alzarsi alle 5 per arrivare dai paesi vicini ed entrare in tempo a scuola. Gli studenti hanno bisogno di essere svegli e motivati per imparare, iniziare la scuola alle 8 non è scritto sulle tavole di Mosè».”
from Diigo http://bit.ly/2FkoxZy
via IFTTT

I dieci punti per l’uso dei dispositivi e la scoperta, tardiva, dell’acqua calda

Tag

from Diigo http://bit.ly/2BgfOp3
via IFTTT

L’Italia raddrizzata e la piccola Europa: le mappe “distorte” della nostra mente — UniboMagazine

Tag

“L’Italia raddrizzata e la piccola Europa: le mappe “distorte” della nostra mente
Roma è più a est di Bologna, e anche di Venezia. Londra, invece, è più a sud sia di Amsterdam che di Berlino. Vi sembra strano? Dai risultati di una nuova ricerca emergono le distorsioni più frequenti nelle mappe cognitive che utilizziamo per rappresentare lo spazio

È più a est Bologna o Roma? Catania o Venezia? Ed è più a nord Cagliari o Taranto? Londra o Berlino? Le risposte giuste sono Roma, Catania, Taranto e Berlino. Vi sembra strano? Non siete i soli. Due ricercatori, dell’Università di Bologna e dell’Università di Aarhus (Danimarca), hanno indagato le mappe cognitive che la nostra mente utilizza per rappresentare lo spazio. Mappe che, stando ai risultati, sono spesso parecchio diverse rispetto alla realtà disegnata sulle carte geografiche.”
from Diigo http://bit.ly/2Fz5Bas
via IFTTT