La legge 107 tratta, nell’unico articolo di cui è composta, anche della formazione obbligatoria per i docenti.

L’articolo 1 comma 124 dice:

Nell’ambito degli adempimenti connessi alla funzione docente, la formazione in servizio dei docenti di ruolo è obbligatoria, permanente e strutturale. Le attività di formazione sono definite dalle singole istituzioni scolastiche in coerenza con il piano triennale dell’offerta formativa e con i risultati emersi dai piani di miglioramento delle istituzioni scolastiche previsti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80, sulla base delle priorità nazionali indicate nel Piano nazionale di formazione, adottato ogni tre anni con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, sentite le organizzazioni sindacali rappresentative di categoria.

La domanda che sorge spontanea è questa: ogni scalzacane potrà proporre il suo corso o si terrà in conto che le persone che possono fare formazione ad un docente non sono così numerose? Saranno persone laureate e abilitate? Avranno fatto un anno di prova con un tutor? Avranno superato un concorso per l’insegnamento? Staranno seguendo dei percorsi di aggiornamento e dei corsi di formazione?

Annunci