Tag

“In un durissimo post su Facebook, lo scrittore bolognese spiega le sue motivazioni: “Come i governi precedenti, questo governo (con l’opposizione per una volta solidale), sembra considerare la cultura l’ultima risorsa e la meno necessaria. Non mi aspettavo questo accanimento di tagli alla musica, al teatro, ai musei, alle biblioteche, mentre la televisione di stato continua a temere i libri, e gli Istituti Italiani di Cultura all’estero sono paralizzati”.

Al governo Stefano Benni imputa “decreti distruttivi e improvvisati” ma anche “privilegi intoccabili e processi alle opinioni”.

“Nessuno pretende grandi cifre da Expo,ma la cultura (e la sua sorgente, la scuola) andrebbero rispettate e aiutate in modo diverso. Accettiamo responsabilmente i sacrifici, ma non quello dell’intelligenza””
from Diigo http://huff.to/1ReqZ4a
via IFTTT

Annunci