Tag

“strutturiamo laboratori in cui lavorare per acquisire competenze e non solo conoscenze, scomponiamo, per alcuni periodi dell’anno scolastico, i gruppi classe e verticalmente lasciamo liberi i ragazzi di frequentare le attività che preferiscono, in ambienti liberi da arredi: questo è il modello della classe e della scuola scomposta, un modello didattico messo a punto da ImparaDigitale (associazione di cui l’autrice è fondatrice e vicepresidente, ndr).

È un modello basato sulla convinzione che la semplice attenzione alla tecnologia debba ormai essere superata. Bisogna guardare oltre, a una scuola radicalmente nuova, in cui tornare a leggere libri, molti libri – di carta? Perché no -, in cui rivalutare la tradizione classica che ci appartiene e che dobbiamo far rivivere come se fosse presente.”
from Diigo http://bit.ly/1Jy2t7Q
via IFTTT

Annunci